Al compleanno di David

Francesco è stato invitato al compleanno di un suo amichetto, David,  un anno più grande. Il compleanno si è tenuto in una ludoteca non troppo distante, dotata di grande playground molto bella e i bambini si sono divertiti veramente tanto.

Si sono scatenati ad arrampicarsi,a scivolare, a tuffarsi nelle palline ecc ecc

Poi c’è stato il momento del rinfresco e della torta e il momento dell’apertura dei regali in un’apposita saletta:

Dopo il break di nuovo a giocare nella ludoteca, che nel frattempo era diventata affollatissima, mentre gli invitati alla festa erano solo dodici tra parenti e compagni di scuola.

Seduta al tavolo con le altre mamme, le ascoltavo parlare della maestra dei loro figli e dei compiti da portare lunedì. Così a un certo punto è venuto fuori che pur non essendo mio figlio un loro compagno di classe, perchè un anno più piccolo, molto probabilmente non  andrà a scuola l’anno prossimo. Nessuna madre mi ha mal giudicata, ma si sono anzi dimostrate molto incuriosite dalla nostra scelta e non mi sono per nulla sentita nè stigmatizzata, nè emarginata e questo grazie anche alla gentile accoglienza dei genitori di David, che sono stranieri, lui polacco, lei ucraina e che pur dovendo lavorare tantissimo entrambi, per motivi di sopravvivenza, cercano di fare più del loro meglio per il loro bambino. Era bello come al solito trovarsi in mezzo a tante diversità pur nel rispetto reciproco. Siamo fortunati a vivere in questa zona di Milano così densa di stranieri e diversità!.

A fine festa verso le ore 20, abbiamo fatto la strada assieme e i bambini non paghi si sono voluti fermare pure ad un area gioco sulla strada:

Precedente Materiale Montessori per imparare le addizioni sopra il 10 e ..Collanine! Successivo La zebra, il leone dove vivono? E il cavallo? Perchè ai poli fa freddo? E perchè c'è il giorno e la notte?

2 commenti su “Al compleanno di David

    • lacasadiserendippo il said:

      Si è vero, però delle volte ho il dubbio che le persone qui non siano poi molto diverse, come apertura, da tutte le altre persone del mondo, solo che l’ambiente fatto di così tante normalità diverse, di sicuro aiuta!:-)

Lascia un commento