Al museo della Tecnologia e al laboratorio di lego-robotica mindstorms con i cugini

Con i cuginetti  e uno zio  siamo stati al Museo della Scienza e della Tecnologia  per partecipare ad un laboratorio di lego-robotica mindstorms e per rivisitare questo bel museo. Questo museo  l’abbiamo già visto almeno un paio di volte con i gruppi homeschoolers, ma di articoli sono  riuscita finora a farne solo uno sul laboratorio di Leonardo, mentre sul laboratorio di chimica fatto con gli homeschoolers e la visita al museo in genere finora non sono  riuscita ancora a scrivere articoli.

OLYMPUS DIGITAL CAMERA
Centrale termoelettrica

OLYMPUS DIGITAL CAMERA

OLYMPUS DIGITAL CAMERA
Un intero padiglione per gli antichi treni a vapore
OLYMPUS DIGITAL CAMERA
Il Sommergibile Toti

Questo museo è molto grande, oltre al sommergibile Toti, ci sono ad esempio i padiglioni aereo-navali con al loro interno veri velieri o autentici pezzi di navi, veri elicotteri o aerei o cannoni ecc ecc

OLYMPUS DIGITAL CAMERA
Un vero elicottero
OLYMPUS DIGITAL CAMERA
Francesco alternandosi con la cuginetta si ascolta tutta la spiegazione sull’elicottero esposto

Abbiamo visitato per un’ ora circa il museo ed era ormai giunto il momento di partecipare al laboratorio sulla robotica lego mindstorms. E’ un laboratorio per bambini oltre i 7 anni, un po’ prematuro per Francesco e sua cugina, più indicato per il cugino di quasi 8 anni. Certamente per Francesco è molto più adatto questo laboratorio sulla robotica-lego Wedo che abbiamo già fatto al Mamusca, e sicuramente c’erano troppe persone in ogni gruppo per un solo robot, ma è stato comunque interessante, Francesco è riuscito lo stesso a partecipare un poco anche se l’argomento era molto difficile.

Dopo una premessa teorica su cosa sono i robot, l’animatore ci ha introdotto al tipo di robot che avremmo costruito. Ci ha  divisi in tre gruppi e ogni gruppo ha scelto quale componente costruire di un robot per pulire. I robot per pulire devono avere sensori per capire dove sono le macchie e soffermarsi, sensori per capire dove sono gli ostacoli e saperli aggirare.In questo caso il nostro robot doveva avere anche dei sensori per capire dove finisse il tavolo, perchè il nostro robot sarebbe stato specializzato nel pulire i tavoli.

Il nostro gruppo ha scelto di dedicarsi ai sensori per capire dove finisce il tavolo. Abbiamo scelto i sensori a ultrasuoni. Ci sono anche altri tipo di sensori: quelli che funzionano con la luce per capire dove sono le macchie più scure, quelli che funzionano con un pulsante.

OLYMPUS DIGITAL CAMERA
Al laboratorio sulla robotica-lego

Ecco il nostro robot a cui tutti insieme abbiamo cercato di applicare un braccio per consentire al sensore di leggere il piano del tavolo e capire quando finisce.

OLYMPUS DIGITAL CAMERA

OLYMPUS DIGITAL CAMERA
Il braccio è finito!

 

OLYMPUS DIGITAL CAMERA
I 3 robot costruiti da ogni gruppo

Ed ecco un po’ di programmazione dei 3 robot, fatta dall’animatore  e mostrata a noi su uno schermo gigante:

OLYMPUS DIGITAL CAMERA

OLYMPUS DIGITAL CAMERA

OLYMPUS DIGITAL CAMERA

OLYMPUS DIGITAL CAMERA

Un breve video del nostro robot programmato, solo che bisognava farlo girare per meno tempo!

incorporato da Embedded Video

 

Finito l’impegnativo laboratorio abbiamo sentito il bisogno di una pausa ristoratrice e per fortuna questo museo è l’unico museo di Milano davvero accogliente verso le esigenze di famiglie e bambini. Non solo per i molti laboratori e il personale gentile, ma sopratutto pechè da questo dicembre hanno anche attrezzato il piano -1 con una bella sala pic-nic, area macchinette distributrici, toilettes davvero pensate per tutta la famiglia, area relax con qualche gioco ecc ecc

Complimenti davvero a questo museo! Ha pure un area esterna con giardino dove fare pic nic d’estate e fare correre un po’ i bambini. L’unica cosa che gli manca secondo me è un guardaroba anche incustodito dove lasciare le giacche pesanti, ma per il resto io che ne ho visti tanti di musei a Milano, devo dire che l’unico davvero all’avanguardia per l’accoglienza alle famiglie è proprio questo.

OLYMPUS DIGITAL CAMERA
Area pic-nic al piano -1
OLYMPUS DIGITAL CAMERA
Le toilettes delle mamme avevano ognuna il seggiolino porta bimbo. Nessuno ci pensa ma se una mamma ha un bimbo piccolo come fa ad entrare nei piccoli bagni  e a lasciarlo fuori dalla porta nel passeggino che non ci entra? Ecco la soluzione!
OLYMPUS DIGITAL CAMERA
Fasciatoio e bagni sempre belli puliti
OLYMPUS DIGITAL CAMERA
Area giochi

OLYMPUS DIGITAL CAMERA

Finito il laboratorio avremmo voluto farne un altro,  ma erano tutti già occupati e così abbiamo visitato anche il piano +1 del museo, ricchissimo ancora una volta di tantissimi oggetti tecnologici e scientifici. Allego le foto solo del telegrafo da far provare ai bambini con le istruzioni per digitare le lettere, ma tantissime cose interessanti ci sono da esplorare in questo luogo davvero tanto grande:

OLYMPUS DIGITAL CAMERA

OLYMPUS DIGITAL CAMERA

Precedente Le fotografie di Francesco dell'acquario di Milano Successivo Pollock, l'action painting e il piccolo Pollock digitale

Lascia un commento