Esperimenti con il fuoco e la carta

Francesco non stava bene e pioveva. Eppure non ci siamo annoiati! Mio figlio desiderava fare ancora esperimenti con il fuoco, come già circa due anni fa avevamo fatto.

Quindi ho riempito un secchio d’acqua, preso una candella, tanti tipi di carta diversa di recupero, delle lunghe pinze in metallo e ho posizionato il tutto sul pavimento della casa lontano da materiale infiammabile. Appiccavamo il fuoco ai fogli e poi li posizionavamo subito sopra il secchio pieno d’acqua,  li guardavamo bruciare in questa posizione sicura per essere pronti ad immergerli nell’acqua per spegnerli oppure in estremis li prendevo con le pinze in metallo così da poter osservare il foglio bruciare fino alla fine.

_DSC2752blogE così siamo andati avanti ore a bruciare tipi differenti di carta, ad osservare i colori diversi della fiamma in base alla carta e agli inchiostri. Francesco ha potuto sperimentare varie volte come il fuoco abbia bisogno d’aria e d’ossigeno per alimentarsi, infatti ad esempio se non stava attento, con lo stesso foglio di carta riusciva a soffocare la fiamma della candela, oppure attorcigliando il foglio di carta abbiamo notato che le fiamme faticavano a bruciare, perchè non avevano tanto ossigeno, invece il foglio lasciato libero da strozzature bruciava molto più velocemente.

_DSC2758blogAbbiamo osservato e toccato la cenere dei fogli, visto come si possa anche scrivere con essa,  sperimentato che non conviene tenere il foglio in verticale mentre brucia perchè le fiamme arrivano velocemente a scottarti  le mani, essendo la direzione delle fiamme verso l’alto, invece in orrizontale ci mette più tempo ed è più sicuro.

_DSC2760blogE’ stato affascinante osservare il modo in cui le carte si contorcevano e ripiegavano scintillando su se stesse, sfolgorando in mille lampilli,  per poi morire nella polvere e “sfrizzando” dentro l’acqua del secchio!

Oltre che essere un esperimento  questa attività permettte di conoscere bene un elemento pericoloso come il fuoco, imparando a gestirlo in sicurezza, soddisfando anche curiosità dei bambini che se inappagate allora si che  possono diventare davvero pericolose, in quanto potrebbero  decidere di soddisfarle del tutto da soli di nascosto dai genitori, correndo in questo caso davvero un rischio troppo grande.  Francesco invece sa benissimo che se vuole giocare e sperimentare col fuoco basta dirmelo e lo facciamo.

Precedente I mondiali, le bandiere e la mappa del mondo Successivo Scenari di polistirolo

Lascia un commento