In piscina

IMG_1429

64400021

64400019

E’ da novembre che Francesco l’ho iscritto in piscina assieme a me, così possiamo andare a divertirci con l’acqua.

Ma è solo da qualche giorno che ho le foto sviluppate, perchè la nostra macchina fotografica subacquea è analogica, quindi andava prima  finito il rullino  e come vedete c’era dentro un rullino in bianco e nero!

L’acqua della  piscina è alta 1,20 metri  quindi  Francesco non tocca e non sa nuotare, ne stare a galla. Al mare questa estate coi braccioli non riusciva a galleggiare da solo, perchè le onde lo facevano puntualmente bere  e nell’acqua dove non toccava voleva andare solo in braccio a me, anche se aveva i braccioli.

In piscina la prima volta ha voluto nuotare con i braccioli e tenuto da me, la seconda volta con i braccioli e la tavoletta e me nei pressi:
64400022

Poi a un certo punto si è lanciato a galleggiare solo con i braccioli senza più la tavoletta:
64400015

Ora a volte mi dice di allontanarmi da lui e sta da solo dall’altra parte della vasca sperimentando di tutto:
64400006L’altro giorno mentre ero distante e di spalle si è tuffato da solo, sempre coi braccioli, dal bordo della vasca in acqua, senza avere neppure più paura di bere ed iniziando forse a comprendere il meccanismo di non “respirare” l’acqua.

Sono certa che piano piano la padronanza di mio figlio con l’acqua aumenterà sempre di più e sono pienamente d’accordo con John Holt in “Come i bambini imparano” ( il padre dell’ unschooling) quando, raccontando proprio di sue esperienze con bambini in piscina, dice:

“Se sfruttiamo il desiderio naturale del bambino di esplorare l’ignoto e gli diamo il tempo di raggiungere un certo controllo, senza sforzarlo a  superare i limiti di quanto si sente pronto a fare, sia l’allievo che l’istruttore si divertono di più e  ottengono risultati migliori”

in caso contrario:

“il bambino diventerà più timido e timoroso, utilizzerà tutte le sue energie e le sue capacità intellettuali, non per esplorare l’ignoto, ma per trovare il modo di sfuggire alle nostre pressioni”

 

 

Un qualcosa di caldo al bar della palestra dopo la piscina ci vuole proprio !
IMG_1418

IMG_1422
 

 

Precedente Laboratorio di preistoria al Museo di Scienze Naturale ( incontro con altri homeschoolers ) Successivo Perchè la scuola familiare e l'unschooling?

2 commenti su “In piscina

    • lacasadiserendippo il said:

      Grazie Pippi, sono contenta che ti piacciano le foto, a dire il vero a me quelle in bianco e nero non mi entusiasmano perchè sembra che sia notte e invece era giorno! Mi spiace che siate state spesso male e non vi siate potute godere di più i giochi d’acqua!

Lascia un commento