In visita a Venezia, a Padova e alla Cappella degli Scrovegni

Grazie alla gentile ospitalità di una mamma homeschooler,che ha una casa a Padova, abbiamo potuto passare un paio di giorni visitando il primo giorno Venezia e gli altri due giorni la cappella degli Scrovegni, con i famosissimi affreschi di Giotto, e la stessa Padova.

VENEZIA

Francesco desiderava da tanti anni visitare Venezia ed è stato molto felice di poterlo fare con il suo amico M. Per approfondire l’argomento abbiamo visto qualche stralcio di documentario sulla fondazione di Venezia.

Francesco e Martino sul traghetto del Canal Grande

 

Un selfie davanti alla Basilica di San Marco

CAPPELLA DEGLI SCROVEGNI

La cappella degli Scrovegni ospita il ciclo di affreschi di Giotto dei primi anni del XIV secolo, considerato uno dei capolavori dell’arte occidentale. Per visitare la Cappella degli Scrovegni ci siamo prima documentati con la visione di video, quando siamo giunti dentro la cappella abbiamo potuto assaporare appieno la visione dei meravigliosi affreschi di Giotto.

Il ciclo pittorico della Cappella è sviluppato in tre temi principali: gli episodi della vita di
Gioacchino e Anna (riquadri 1-6), gli episodi  della vita di Maria (riquadri 7-13) e gli episodi
della vita e morte di Cristo. In basso a questi affreschi, una serie di riquadri illustra le
allegorie dei Vizi e delle Virtù.

Francesco è rimasto molto colpito dalle raffigurazioni dei vizi e delle virtù, tanto che abbiamo dovuto riprendere più volte l’argomento anche una volta arrivati a casa!
Il meraviglioso Giudizio Universale con il paradiso e l’inferno.

 

PADOVA

Abbiamo visitato Padova un po’ a piedi, ma anche con il bus turistico provvisto di audioguida
Un selfie davanti alla Torre dell’ Orologio
Piazza dei Signori
Francesco davanti alla famosa Basilica di Sant’Antonio da Padova

Meraviglioso inoltre l’Orto Botanico di Padova ulteriormente arricchito dalle serre moderne del Giardino delle Bio-Diversità!!

All’ Orto Botanico di Padova (sezione antica)
Le serre del Giardino delle Bio-Diversità (sezione moderna dell’Orto Botanico)
Francesco all’interno del Giardino delle Bio-Diversità
Precedente Geografia davvero utile: imparare ad orientarsi nella metropolitana milanese Successivo Alla mostra di sculture Lego e sul belvedere del grattacielo Pirelli

Lascia un commento

*