Laboratorio di pittura con i colori creati dagli ortaggi

Francesco e il suo amico M. hanno partecipato al laboratorio di pittura ” Il colore era al Fame Market :

“Si può colorare con ortaggi, le foglie, e i fiori? Come si fa? Che colori riesco a fare?

Durante la giornata del FAME di Recupero! estrarremo il colore dagli scarti delle verdure e dai fiori e ognuno potrà realizzare il proprio Zilla* cromatico con pennelli o semplicemente utilizzando le mani.

Finalità:
– conoscere la stagionalità degli ortaggi;
– osservare la varietà dei colori in natura;
– conoscere e creare con gli scarti”

Il laboratorio era ospite della falegnameria ed è stato ideato e condotto da Francesca Dainotto (grafica e illustratrice https://www.behance.net/francescadainotto ).

Francesco e M. creano il giallo schiacciando nei mortai il fiore Tagete con un po’ d’acqua
Poi hanno piegato e ritagliato un foglio per fare un piccolo libretto per la prova dei colori

Le istruzioni per creare questi piccoli libretti  si possono trovare anche qua:https://www.lapappadolce.net/fare-libretti-coi-bambini-libretti-semplicissimi-a-partire-da-un-solo-foglio/

Il verde lo hanno ottenuto strofinando sul foglio il gambo e la parte verde del fiore di Tagete
Francesca, la conduttrice del laboratorio, con in mano un cavolo cappuccio viola, se si fa bollire questo cavolo si dovrebbe ottenere un blu e con l’aggiunta del bicarbonato si dovrebbe ottenere il viola
Ma come detto dalla stessa Francesca è venuto più un colore grigio
Francesco annusa una rapa barbabietola con la buccia.
Francesca ha tagliato la buccia della barbabietola, con la quale schiacciandola nel mortaio con un po’ d’ acqua si ottiene il rosso magenta, aggiungendo il bicarbonato si dovrebbe ottenere il verde acqua
Francesco che schiaccia la buccia di barbabietola. I bambini si alternavano in totale armonia nell’uso del mortaio
Ora ogni bambino colora a piacimento la propria Zilla, il simbolo del Fame Market.
I fogli colorati da Francesco in asciugatura. Gli ultimi colori sono stati ottenuti: il marrone bollendo la buccia della cipolla rossa ( se fosse stata la buccia della cipolla gialla si sarebbe ottenuto il giallo ) e il color senape sciogliendo la curcuma nell’ acqua. In ultimo chi voleva poteva aggiungere del sale grosso per creare un effetto piacevole
A Francesco il laboratorio è piaciuto, è stato condotto in totale armonia dall’ideatrice e conduttrice e può darsi che riprenderemo anche a casa l’argomento.
Precedente Alla mostra di sculture Lego e sul belvedere del grattacielo Pirelli Successivo In visita alla caserma dei Pompieri

Lascia un commento

*