Laboratorio su Leonardo da Vinci

Giovedì 11 ottobre ci siamo incontrati con tanti homeschoolers e abbiamo partecipato in massa ad un laboratorio su Leonardo Da Vinci, al Museo della scienza e della tecnologia di Milano. Eravamo così in tanti che abbiamo riempito la disponibilità numerica  e per fare il laboratorio sulla scrittura, molti genitori e alcuni bambini più piccoli sono dovuti rimanere fuori.

1. Leonardo e la scrittura Perché Leonardo scriveva al contrario? È stato facile leggere i suoi appunti? Con penna d’oca e inchiostro proviamo a scrivere come cinquecento anni fa.

Dopo aver visionato con specchio e senza specchio un documento scritto da Leonardo da Vinci, i bambini hanno potuto preparare e scrivere davvero con una penna d’oca.

(In questa foto sopra tutti i presenti sono homeschoolers di http://educazioneparentale.org/ e non ci sono quelli che  sono dovuti rimanere  fuori per limiti di capienza!)

Nell’immagine sopra Francesco e gli altri bimbi  stanno togliendo le piume alla penna d’oca per trasformarla in una vera penna d’oca per scrivere, come ai tempi di Leonardo. Successivamente hanno tagliato la penna in senso obliquo per  fare la punta e poi creato un vero e proprio inchiostro dell’epoca e scritto davvero con le penne d’oca.

– 2.Vita quotidiana in cantiere ai tempi di Leonardo. Milano fine 1400: il cantiere del Duomo brulicante di lavoratori, scandisce la vita di un’intera città. Quali lavori da svolgere? Quali mansioni, quali le condizioni dei lavoratori e le tecnologie a disposizione? Cosa rimane oggi del cantiere? Scopriamolo vivendo di persona il ruolo di aspiranti lavoratori della Fabbrica.

Sia a me che a Francesco è piaciuto tutto quanto molto, bravo e gentile anche l’animatore dei laboratori e assolutamente dobbiamo ritornare a questo museo!

Grazie a Erika Di Martino di http://www.controscuola.it/ per aver organizzato l’evento e grazie al network http://educazioneparentale.org/

(In tutte le foto ho cancellato i volti dei bambini per motivi di privacy)

Precedente La socializzazione di un homeschooler (critica) Successivo La festa di compleanno di Francesco: proposte di gioco per 1/7 anni

Lascia un commento