L’apprendimento dei bambini non segue tabelle di marcia e procede a scatti

Holt lo ha sempre detto che l’apprendimento naturale dei bambini non segue le tabelle di marcia e procede a scatti. Ebbene lo sto sperimentando con mio figlio di quasi 7 anni e che finora non sembrava molto interessato alla scrittura.Ecco ora gli è esploso un interesse tale che si mette in autonomia a scrivere su fogli e a compilare anche  libri di scrittura che avevo acquistato più di 1 anno fa e sta iniziando anche a leggere.

_DSC4662blog_DSC4659blog

 

Forse proprio perchè l’ho lasciato abbastanza in pace senza neppure tentare di stimolarlo, finchè provavo a “intromettermi” il suo interesse diminuiva o forse perchè è proprio arrivato uno dei suoi scatti d’apprendimento di cui parla Holt, si è messo spontaneamente persino a voler imitare alcune parole scritte in corsivo! Questo suo interesse si espande anche ad interi discorsi fatti tra noi in casa e fuori, dialoghi nei quali vuole giocare a cercare la giusta rima delle parole e creare sue “canzoni”,  quando disegna spesso aggiunge parole, l’ultima volta ha scritto “nonni” sopra un disegno, oppure su un palloncino ha scritto “Auguri Aleando” ( voleva scrivere auguri Alessandro il suo migliore amico). Per il momento questo interesse sta continuando, ma non mi aspetto che rimanga costante proprio per via di quel procedere a scatti di cui parla Holt.

In matematica invece il suo interesse rimane abbastanza costante, recentemente e grazie ad avere imparato quali sono i numeri pari ha imparato anche la tabellina del 2 di conseguenza, e se ci sta a pensare anche quella del 5 e del 10, se gli si permette di scriverla tutta e grazie a un piccolo trucco anche quella del 9…Poi prova a leggere correttamente anche numeri complessi di migliaia….Sta facendo ora anche quei libri di 1 anno fa dove bisognava collegare i puntini fino al numero 50 per creare delle figure, lui sa contare benissimo fino a 50 anzi anche fino a 1000 ma gli piace farli e poi ha voluto pure che gli acquistassi uno zaino suo personale con astuccio personale, perchè vuole avere il suo posto privato dove tenere i libri e quaderni che sta costantemente usando tutti i giorni per il momento.

_DSC4664blogCostante rimane anche la sua passione di piccolo regista di stop motion con omini lego, ecco qua una delle sue ultime produzioni realizzate interamente da lui , compresa la scelta della musica, degli effetti audio, il mio aiuto arriva solo nella fase di montaggio video, ma seguendo rigorosamente le sue istruzioni:

Indiana Jones e i mostri

Ultimamente abbiamo una vita molto difficile ed impegnata per motivi di problemi economici, per far fronte a queste difficoltà sto cercando appunto di far partire una nuova attività come animatrice per bambini e non è semplice e non mi rimane tempo da dedicare a questo blog e me ne dispiace veramente tanto. Ma non ho alcuna intenzione di chiudere, questo blog rimarrà qui ad aspettarmi per quei miei pochi momenti di disponibilità e anche se mi dispiace tanto ad esempio di non aver potuto aggiornare con le attività estive e aggiungere foto ecc mi accontento per il momento di quel poco che riesco a fare. Forse metterò più facilmente post senza immagini perchè il tutto diventi più veloce, così da poter aggiornare anche quando ho poco tempo.

Se mio figlio fosse andato a scuola, con i problemi economici che sono sorti ora, sarebbe stato ancora più difficile! Infatti l’animatrice per bambini lavora sempre il sabato e la domenica, ovvero gli unici giorni in cui mio figlio sarebbe stato a casa da scuola e quindi io e lui non ci saremmo visti quasi più! Invece grazie alla nostra scelta mio figlio il week end, quando non può venire con me, sta con suo padre e poi abbiamo molti giorni durante la settimana per stare assieme io e lui.

Ecco uno dei miei personaggi di animazione per bambini, c’è una versione dello stesso personaggio senza trucco e naso, solo con occhialoni e due trecce lunghe lunghe:

Dadà

 

Precedente Il mio nuovo lavoro e nuove occasioni di socialità e creatività anche per Francesco Successivo Il calendario delle attività

2 commenti su “L’apprendimento dei bambini non segue tabelle di marcia e procede a scatti

  1. ciao
    in bocca al lupo per questa attività!!! ma riuscite comunque tu e il tuo bimbo a “studiare” (nel vostro modo naturalmente 🙂 e a lavorare come prima? si può conciliare unschooling e lavoro di mamma, anche se part-time?
    sempre con grande stima
    marina

    • lacasadiserendippo il said:

      Ciao Marina grazie! Certo che si può conciliare nel nostro caso abbiamo circa 5 giorni su 7 nei quali stiamo sempre insieme io e mio figlio!:-)) E poi quando io non ci sono sta comunque con suo padre e l’unschooling prosegue lo stesso, perchè come saprai bene nell’unschooling non ci sono lezioni imposte e programmi da seguire ma c’è solo bisogno di tanto tempo da passare insieme ai genitori. Certo ad essere sincera se potessi scegliere io preferirei non dover lavorare, potermi dedicare 7 giorni su 7 a mio figlio, alla casa e a mio marito….Ma non mi è dato di scegliere quello che preferisco in questo periodo della nostra vita. In ogni caso so di mamme che fanno scuola familiare e lavorano la mattina, altre che sono imprenditrici, con 3 figli e fanno scuola familiare c’è qua un bel video di Erika di Martino sulle mamme lavoratrici che fanno scuola familiare: http://www.youtube.com/watch?v=sllSC4NBKR8

Lascia un commento

*