Triennale Design Museum e laboratorio sulla creazione di uno stampo

Grazie a http://educazioneparentale.org/ e ad Erika Di Martino, che ha organizzato l’ evento, ci siamo trovati ancora una volta assieme ad un bel gruppo di homeschoolers e abbiamo visitato la Triennale Design Museum e i nostri figli hanno partecipato ad un laboratorio sulla creazione di uno stampo. E’ stato bello tutto, i bambini sempre molto interessati e partecipi, l’animatore in gamba e abbiamo pure potuto mangiare assieme nella bellissima sala del laboratorio. A fine evento ci siamo  ritrovati ancora nell’area gioco di Parco Sempione.

Ed ecco un po’ di foto che documentano l’evento, il gruppo di bambini e adulti presente nelle foto sono tutti homeschoolers.
Questa volta Francesco era accompagato non solo dalla mamma, ma pure dal suo babbo super-fotografo e pure visibile in alcune foto. Le foto di questo articolo le ho fatte comunque tutte io, per le foto di mio marito bisognerà aspettare un poco.

Sul ponte di bambù e arcobaleno, il bravo animatore introduce i bambini ad entrare nel museo.
Nella prima sala del museo. Notare la bravura dell’animatore che si piega anche fisicamente a livello di bambino, segno importante di capacità d’ascolto (e di nessun problema alle articolazioni della gambe!)
Dentro le pagine del libro gigante!
C’è un bimbo di nome Frisello che dice ci aver visto un cane con 6 zampe! Cerchiamo questo cane anche noi, proviamo a chiedere alla mucca con 2 teste qualche indizio.
Un animale con quante zampe? Contiamole assieme: 1,2,3,4,5,6! Ecco forse è questo il cane a 6 zampe? Nooo è un rinoceronte!
E quest’aquila in gabbia forse ci può aiutare a trovare il misterioso cane? “Poverina chiusa li dentro!” ha detto mio figlio!
E dopo tante altre illustrazioni ed animali strani interrogati alla ricerca di indizi, ecco un elefante cieco ..”Ma forse però ha sentito qualcosa” dice Olivia! Proviamo a interrogare pure lui, dice che è molto vicino questo cane, cerchiamo bene!
Eccolo qua il cane con 6 zampe!
Ma perchè sputa fuoco? Perchè ha ingoiato la benzina!
E perchè ha 6 zampe?
Olivia: “Perchè avendo ingoiato la benzina che fa molto male poi gli sono cresciute 6 zampe!!!”
Bell’idea!
In realtà 4 zampe simboleggiano le 4 ruote dell’auto e 2 zampe simboleggiano le 2 gambe del guidatore.
All’ingresso della bellissima sala del laboratorio.
Ci sono delle regole da rispettare, dice l’animatore, avere molto rispetto di questa preziosa e bella sala tutta di legno e non si può neppure correre!
Francesco si prepara a iniziare il laboratorio con pasta bianca, pasta verde, piattino rosso, contenitore per lo stampo.
L’animatore mostra come estrarre la pasta bianca e poi la verde e come poggiarle sul piattino rosso
Tutti impegnati con interesse nella meravigliosa sala odorosa di legno.
Francesco all’opera! Qui ha già mescolato pasta bianca e pasta verde e le ha già messe nel suo contenitore per lo stampo. Poi ha scelto degli oggetti con cui realizzare la forma del suo stampo: cucchiaio, bottone, striscia di stoffa.
Ecco un altro oggetto con cui impressionare lo stampo!
Ecco fatto!
Ecco lo stampo di Francesco finito e pronto per l’essicazione.
Francesco fa un disegno su cui poi verrà poggiato il suo stampo ad essiccare, per essere sicuri di riconoscerlo dagli altri.
Ecco tutti gli stampi dei nostri bambini sui loro disegni ad essicare. Durante la pausa pulizia mani, l’animatore vi verserà dentro una resina bianca che asciugherà in due minuti così i bambini potranno subito vedere cosa si può ottenere con questo meraviglioso stampino. A casa faremo ghiaccioli e biscotti !
Pausa pulizia mani, con ilarità dovuta all’aria esplosiva dell’asciugamani!
Ecco la scatola da montare e colorare per mettere dentro ognuno il suo stampo in silicone atossico e portarselo a casa per fare ghiaccioli o biscotti!
Francesco disegna e colora la sua scatola

Anche al parco giochi, dove siamo andati poi, è stato bello stare assieme e mio figlio ha pure voluto che gli leggessi subito il libro che ci hanno dato alla Triennale sul bambino Frisello alla ricerca del cane a sei zampe.

Precedente I libri della lettera A, della lettera B e alcune lettere del nostro alfabetiere. Successivo Ma impara? (La parola all'esperto)

Lascia un commento